#machenesanno

Nakata, la mia scommessa dell’estate 1998

Cari amici quello che sto per narrarvi è un ricordo dell’estate del 1998.

Le vacanze erano sul punto di terminare, la scuola stava per ricominciare ed ero ancora tormentato da quel pallone calciato da Roberto Baggio uscito di “tanto così”.

Tuttavia il calcio non si era fermato sulla traversa di Gigi Di Biagio, era tempo di una nuova stagione e soprattutto si avvicinava uno dei momenti più belli dell’intero anno: l’asta del fantacalcio. Ognuno dei partecipanti, oltre ai vari campioni da contendersi all’asta quali Vieri, Batistuta, Ronaldo, Totti e Del Piero aveva i suoi pupilli sui quali puntare, magari provenienti dai campionati stranieri o dalla Serie B, che all’epoca era ancora una vera e propria fucina di talenti per tutto il nostro movimento calcistico.

All’inizio di quella stagione uno dei giocatori più appetibili era sicuramente Ariel Arnaldo Ortega, appena acquistato dalla Sampdoria dal Valencia, il quale nonostante un mondiale opaco aveva fatto vedere faville con la maglia dei “Milionarios” del River Plate. Ricordo nitidamente il fastidio che avevo provato quando me lo avevano “scippato”, doveva essere il mio colpo rivelazione, ma 130 “fantamiliardi” li avevo considerati eccessivi. Anche perchè avevo un altro colpo in canna, molto azzardato ma dal fascino indiscutibile: riuscii a prendere quel giapponese arrivato a Perugia come ultimo regalo del presidente Gaucci per festeggiare il ritorno degli umbri in Serie A.

Hidetoshi Nakata era mio.

Il suo acquisto fu per me un’assoluta scommessa in quanto era impossibile valutare le prestazioni di un giocatore proveniente dall’estremo oriente, in più a screditare il mio acquisto c’era anche la celebre intervista al suo arrivo in Italia con l’interprete Nabuyoshi Tamura, finito nelle mire della Giallappa’s che ci regalò un’autentica chicca sul finire degli anni ’90.

Ecco il video dell’intervista:

Traduttore nakata

No Description

Beh che dire il suo acquisto in quella fortunatissima stagione fu uno dei migliori che abbia mai fatto in tutti gli anni da fantallenatore. Hide mi ripagò mettendo a segno 10 reti e risultando decisivo ai fini della salvezza del Perugia. Le sue firme ebbero anche vittime illustri tra le quali, Juventus all’esordio dove segnò una doppietta, Lazio, Milan con cui andò a segno sia nella gara di andata che in quella di ritorno, senza dimenticare alcune autentiche prodezze come il capolavoro in rovesciata nella gara con il Piacenza.

Purtroppo tutte le storie non hanno un lieto fine, quel fantacalcio lo persi arrivando secondo dietro a colui che riuscì a prendere Ortega, ma le gioie che mi regalò Hide in quell’annata non le dimenticherò mai.

Ed ora gustatevi le magie di Nakata nella stagione 1998/1999:

Hidetoshi Nakata 1998-1999 Serie A

Hidetoshi Nakata in Perugia 98-99 season

E voi, quell’anno, su chi avevate puntato? Hide o Ariel?