L'essenza della Nostalgia

Le “Top 11” degli Italiani all’estero

Oggi abbiamo deciso di farvi una sorpresa e dopo le varie “Top 11” dedicate alle squadre che negli anni ’90 hanno fatto la storia della nostra Serie A, è arrivato il momento di mettere insieme tutti quei calciatori che nell’epoca della nostra nostalgia, furono i primi a spingersi al di fuori dei nostri confini, esportando per primi il concetto del Made in Italy.

Un’epoca in cui i calciatori non erano attratti da facili guadagni ed offerte allettanti provenienti dalla Cina, ma in cui affrontare un’esperienza all’estero significava comprendere la cultura del calcio in quel paese, esportando soprattutto quel modello che tutti ci invidiavano.

Non ne abbiamo fatta solo una, siccome ce ne sono stati tantissimi di italiani forti che hanno giocato all’estero, abbiamo preferito fare un confronto tra due “Top 11” e ci è francamente dispiaciuto di lasciare super campioni in panchina…

Abbiamo preso i due undici ideali composti dai calciatori che tra il 1990 ed il 2004 hanno giocato tra Bundesliga, Premier League, Liga, Liga 1 e Scottish Premier League.

Iniziamo, la prima formazione si schiera con un 4-3-3:

Tra i pali troviamo il portiere del Monaco dei miracoli che perse solo in finale contro il Porto di Mourinho, ma quel Monaco lì, è una nostalgia che non finisce più…
In difesa ci schieriamo a 4, con Francesco Coco in blaugrana sulla sinistra, Porrini ai Rangers sulla corsia destra, centrali difensivi troviamo Materazzi con la maglia dell’Everton e Gianluca Festa con quella del Middlesbrough.
A centrocampo abbiamo forza, pressing, corsa e qualità, ossia: Gattuso-Lombardo-Carbone, un centrocampo da consegnare alla leggenda.
Il tridente è clamoroso, Di Canio-Vieri-Ravanelli è un tridente non adatto a cuori deboli. Sarà dura battere questo 11 ma prima di prendere decisioni, guardate anche l’altra “Top 11”, perché non scherza affatto.

top11bianca

A disposizione: Taibi, Pistone, Serena, Venturin, Marcolin, Ciccio Baiano, Rizzitelli, Schillaci, Marco Osio.

Scusate se è poco anche la panchina…

 

Ma non è finita qui, ecco l’altra “Top 11”, siete pronti? Vi siete ripresi?

Questa volta ci schieriamo con un 3-4-3:

top11blu

In porta, il portiere italiano con più esperienza all’estero, arrivato al Chelsea dal Castel Di Sangro. Basterebbe questo per eleggerlo il portiere italiano più nostalgico a momenti.
Difesa con molta esperienza con Amedeo Carboni, Lorenzo Amoruso e Christian Panucci, tre che hanno fatto fortuna all’estero vincendo molti trofei e giocando con giocatori fenomenali.
Impostano il gioco Demetrio Albertini e Roberto Di Matteo = hai la palla in banca con questi due. Come “ali” abbiamo inserito Nicolino Berti e Roberto Donadoni.
Anche questo tridente come dicevamo non scherza per niente, Magic Box con la maglia del Chelsea è l’esempio dell’ITALIANO all’estero, ha portato un calcio che non esisteva in Premier League diventando il giocatore del secolo per la tifoseria blues, con lui l’amatissimo Marco Negri, vero idolo in Scozia, se non fosse stato per quell’infortunio…
Con loro due, Gianluca Vialli ad incantare.

A disposizione: Sereni, Torrisi, Eranio, Dalla Bona, Giannini, Ambrosetti, Casiraghi, R.Mancini, Marco Simone, Silenzi.

Ora sono cavoli vostri, qual è la più forte tra le due?