#machenesanno

Le cinque scene più belle di “Aldo”

La nostra generazione, oltre ad aver vissuto un periodo calcisticamente florido, ha avuto la fortuna di poter apprezzare sul piccolo e sul grande schermo, comici ed artisti in grado di strapparci una risata ed intrattenerci con le loro gag.

Negli anni ’90, ad aver fatto scuola sotto questo punto di vista, è stata certamente la trasmissione televisiva “Mai dire goal”, che ha dato visibilità e posto alla ribalta, comici come Claudio Bisio, Antonio Albanese, ma soprattutto il trio: Aldo, Giovanni e Giacomo.

In particolar modo, quest’ultimi, sono stati in grado, grazie anche alle loro apparizioni cinematografiche di segnare un vero e proprio solco all’interno delle nostre vite.

In quanti di voi, si sono ritrovati ad imitare le irriverenti scene di “Tre uomini e una gamba”, o ancora hanno chiesto all’amico del cuore di “Scarricare”, la propria petulante fidanzata.

Oggi, abbiamo deciso di ripercorrere cinque gag, che hanno contraddistinto, forse il più eccentrico tra i tre comici, consegnandolo così alla storia della nostalgia:

“La cadrega”: “Sono il Conte Draculaaa”. Una delle scene più caratteristiche consegnateci alla storia dal film “Tre uomini ed una gamba”, vede come protagonista Aldo, far rivivere Vlad III di Valacchia, il quale con marcato accento siculo cerca di spacciarsi come Brambilla Fumagalli per cercare di non cadere in trappola. Purtroppo per lui, non riesce a superare la “prova” della cadrega. Ma le cose per lui diventeranno peggiori, dal momento in cui verrà trovato in possesso della fotografia del “gran visir de tucc i terun”: Totò Schillaci.

Il conte Dracula (seconda parte) – Tre uomini e una gamba di Aldo Giovanni e Giacomo

Altro che Twilight… Aldo è l’unico e solo Conte Dracula! Prendete una cadrega e godetevi gli altri video: http://bit.ly/UMAX5g Tratto dal film “Tre uomini e una gamba” di Aldo Giovanni e Giacomo (1997). YOUTUBE: http://bit.ly/YouTubeAGG FACEBOOK: http://bit.ly/FaceAGG GOOGLE+: http://bit.ly/GoogleAGG

Clicca sulla maglia numero 2 e continua a leggere l’articolo