Livello Nostalgia, Eroi senza tempo

La “Top 15” delle punizioni più nostalgiche

6) Roberto Baggio (Borussia Dortmund-Juventus 1-3) Dortmund, 18 Aprile 1995

Non servono troppi aggettivi per inserire il calcio di punizione di Roberto Baggio nell”Olimpo della Nostalmagia. Un’esecuzione perfetta con il pallone che dopo aver scavalcato la barriera si insacca in modo perfetto sotto l’incrocio dei pali, mettendo così il sigillo all’accesso alla finale di Coppa UEFA 1995.

Gran punizione di Baggio contro il Borussia Dortmund

5) Alvaro Recoba (Inter-Brescia 2-1) Milano, 31 Agosto 1997

A Milano è tutto pronto per celebrare il Ronaldo-Day nella gara inaugurale della stagione 1997/98. Il ”fenomeno” arrivato in estate dal Barcellona per 48 Miliardi di Lire ci prova in tutti i modi, ma i suoi tentativi vengono disinnescati da un Cervone in giornata super. La beffa per i Nerazzurri rischia di materializzarsi nel secondo tempo, con il Brescia che passa in vantaggio grazie alla rete di Dario Hubner, all’ esordio in massima serie a trent’ anni compiuti. Gigi Simoni, decide così di gettare nella mischia il giovane Alvaro Recoba, che nel giro di cinque minuti si prende la scena di San Siro, firmando con una doppietta il sorpasso sulle rondinelle. Il fantasista sudamericano sigla prima il pareggio con una fucilata dai 30 metri e si ripete poco dopo con quello che sarà un classico del suo repertorio: Il calcio di punizione. Secco e preciso il tiro dell’ allora numero 20 dell’ Inter che da 25 metri toglie letteralmente le regnatele da sotto l’ incrocio, entrando di diritto nella storia della Nostalgia.

Inter 2-1 Brescia – Campionato 1997/98

4) Sinisa Mihajlovic (Maribor-Lazio 0-4) Maribor, 19 Ottobre 1999

In questa speciale classifica non poteva mancare l’ex difensore della Lazio, che in questo frangente punisce il Maribor in Coppa dei Campioni con questa splendida esecuzione balistica.

Calcio Gol Mihajlovic In Lazio Barcellona

Continua a leggere l’articolo a pagina 5 e scopri la “Top 3”