Livello Nostalgia, Eroi senza tempo

La “Top 15” delle punizioni più nostalgiche

Il calcio di punizione è forse una delle forme d’arte più selettive, destinata ad un club esclusivo di calciatori. Lo specialista del calcio piazzato da al pallone una confidenza naturale, tanto da accarezzarlo, strofinarlo, posizionarlo sulla propria mattonella preferita, prima di conferire alla sfera l’effetto della pennellata. Giocate che restano indissolubilmente incastonate nella memoria di tutti noi tifosi, pronti a stropicciarci ancora una volta gli occhi di fronte alla prodezze di questi fantastici artisti del pallone.

Ovviamente i frammenti nostalgici legati al calcio di punizione sono innumerevoli ed ognuno di noi tornando a ritroso con la propria memoria potrà veder riaffiorare nella propria mente anche solo un semplice ricordo connesso indissolubilmente a questi o ad altri calci piazzati che hanno fatto la storia di questo sport che così tanto amiamo.

Oggi, abbiamo deciso di stilare la classifica delle 15 punizioni più belle e più nostalgiche.

Bando alle ciance, iniziamo:

15) Faustino Asprilla (Milan-Parma 0-1) Milano, 21 Marzo 1993

Sconfiggere una squadra imbattuta da 58 partite che domina in Italia ed in Europa come il Milan degli Invincibili di Fabio Capello più che un compito arduo era una vera e propria impresa titanica. A riuscire nell’impresa come ovviamente saprete , cari nostalgici, fu il Parma che espugnò San Siro grazie alla perla balistica di Faustino Asprilla, che lasciò di sasso un incolpevole Sebastiano Rossi. Un perfetto tiro a giro da parte dell’ attaccante colombiano entrato nella storia della nostra Serie A.

Faustino Asprilla Milan-Parma 0-1 (1993)

14) Gabriel Omar Batistuta (Milan-Fiorentina 1-3) Milano, 26 Settembre 1998

Alla terza giornata del Campionato 1998-1999, il “match clou” si gioca a San Siro, con la Fiorentina del Trap che fa visita al Milan. Entrambe le formazioni sono reduci da due vittorie nelle prime due giornate ed un eventuale vittoria proietterebbe una delle due compagini in testa al Campionato. La Partita è tuttavia senza storia con la viola che umilia a domicilio il “Diavolo” grazie ad una prestazione monstre del suo attaccante principe Gabriel Omar Batistuta, che siglando una tripletta contribuisce in maniera decisiva al 3-1 in favore della sua squadra. Forza, rabbia e voglia di vincere sono tutti elementi che possiamo ritrovare nella punizione a due con cui il Fuoriclasse Argentino terrorizzò letteralmente i difensori rossoneri. Emblematiche le parole di Costacurta che parlando dell’ episodio disse: “Io e Maldini eravamo accanto in barriera, quando Batistuta colpì il pallone non facemmo a tempo a muoverci che la palla era già dentro. Dopo ci guardammo e pensammo: Se ci prende la testa ce la stacca”

Punizione Batistuta AC Milan – ACF Fiorentina 98/99 Penalty shot Batistuta

13) Juninho Pernambucano (Bayern Monaco-Lione 1-2) Monaco, 5 Novembre 2003

Ne ha fatte tante, ha ispirato molti, addirittura anche Pirlo ha “rubato” qualcosa da Juninho, abbiamo scelto questa perché far fare la figura del pollo ad un portiere come Oliver Kahn non capita tutti i giorni. Diffidate dalle imitazioni, signori: Juninho Pernambucano.

Juninho Free Kick vs Bayern & Kahn Post Headbutt

continua a leggere l’articolo a pagina 2 e vai alla posizione numero 12