Livello Nostalgia, Eroi senza tempo

Le 15 istantanee che riassumono la magia di Ronaldinho

Ronaldinho ha rappresentato per tutta la nostra generazione l’icona dell’allegria applicata al calcio. Quel sorriso sempre stampato sul volto e quei piedi fatati pronti a regalarci una magia ad ogni tocco di palla, ammaliandoci con i suoi numeri e le sue giocate. Un giocatore unico, amato da tutti e da ieri sera diventato emblema della nostalgia. Non vogliamo annoiarvi con parole superflue, quindi godetevi le quindici istantanee scelte da noi che hanno segnato la carriera del “Gaucho”.

  1. Già da piccolissimo le sue qualità erano al di sopra della media dei suoi coetanei. Grande esempio per lui, fu la presenza del fratello Roberto, anch’egli calciatore del Gremio agli inizi degli anni ’90. Sarà questa una delle prime svolte nella carriera di Dinho.

Ronaldinho fratello

2) La vittoria del Brasile al mondiale under 17 in Egitto nel 1997, fu soltanto il preludio di una carriera costellata di successi sia con i club che in Nazionale.

Ronaldinho mondiale under 17

3) Con il Gremio, i primi passi da calciatore professionista. Con la maglia del club di Porto Alegre, può vantare 44 presenze e ben 21 reti, che attirarono le attenzioni del club europei più importanti.

RonaldinHO Gremio

4) L’approdo in europa avvenne nel 2001, trasferendosi al Paris-Saint-Germain. Pur non vincendo nessun trofeo nelle due stagioni in Francia, la sua crescita fu costante tanto da guadagnarsi la convocazione nella Seleçao per il mondiale nippo-koreano del 2002.

Ronaldinho psg

5) Una delle immagini più significative di quel Mondiale è certamente il goal realizzato su calcio di punizione all’Inghilterra. Una parabola beffarda, che sorprese Seaman e regalò la terza semifinale di fila ai brasiliani.

Ronaldinho 2002

Vai alla pagina successiva per proseguire con le istantanee della carriera di Ronaldinho. CLICCA SUL TANGO