L'essenza della Nostalgia

I 20 calciatori del Brescia e della Cremonese più nostalgici

Brescia-Cremonese è la classica partita che ti fa riassaporare la nostalgia di un tempo, quando le due compagini si alternavano fra la Serie A e quella cadetta trovandosi nel massimo campionato solo una volta, nella stagione 1994-1995. Per questo, oggi andremo a vedere quali sono i 20 calciatori del Brescia e della Cremonese più nostalgici.

Le Rondinelle fresche di promozione conclusero quel torneo all’ultimo posto con largo distacco mentre per i grigiorossi ci fu una salvezza sofferta quanto magica. I due club si sfidarono nelle giornate sedici e trentatré e se il primo atto fu un pareggio a reti bianche allo “Zini” di Cremona ben diverso il punteggio nel ritorno che vide la truppa di Simoni espugnare il campo del Brescia in rimonta grazie a Tentoni e al rigore trasformato di Chiesa. Storicamente sono i biancoazzurri a vantare più partecipazioni in Serie A (ben 22) contro le sette apparizioni della Cremonese avvenute più della metà nel corso degli anni novanta. Piccole che sognano in grande come quando le Rondinelle di Mazzone arrivarono in finale di Coppa Intertoto oppure nel trionfo in Coppa Anglo-Italiana per il club di Cremona. Gli ultimi anni hanno visto entrambe le società lontane dai fasti di un tempo per l’amarezza dei tifosi e appassionati di calcio in generale.

Ricordiamoceli insieme, selezionando i 20 calciatori del Brescia e della Cremonese più nostalgici negli ultimi 20 anni, ragion per cui sono stati esclusi campioni di livello assoluto come Vialli e Lombardo. Adesso iniziamo:

Marco Schenardi

Brescia

Il centrocampista emiliano è uno di quelli che condivide nel cuore entrambe le società avendo giocato quattro stagioni nel Brescia ma dopo esser uscito dal vivaio della Cremonese. Marco con le Rondinelle gioca dal 1991 al 1995 fra la Serie A e quella cadetta; in quest’ultima è uno dei protagonisti della promozione conquistata nel campionato 1993-1994 dove va a segno per ben 5 volte. In seguito sarà uno dei punti fissi del Vicenza di fine anni novanta.

Matjaz Florijancic

Cremonese

Nel periodo d’oro della Cremonese, il giocatore sloveno è stato una delle pedine più utilizzate avendo giocato per i grigiorossi ben cinque campionati con quattro partecipazioni in Serie A. Chiedergli di andare in doppia cifra rasentava l’utopia ma i suoi dribbling e la tecnica individuale furono potenti armi al servizio della squadra. Più di 100 presenza in massima serie per lui con la maglia della Cremonese e anche qualche chiamata dalla sua Slovenia.