Livello Nostalgia, Nostalgia oltre i confini

I 15 difensori più pagati nella storia del calcio

Da qualche tempo a questa parte, i vari paperoni del calcio mondiale, proprietari dei migliori club d’Europa, non sono più esclusivamente proiettati ad investire cifre da capogiro per ingaggiare soli giocatori appariscenti, di manovra e goleador, ma anche difensori, riconoscendo loro un ruolo determinante al pari di tutti gli altri.

D’altro canto, da qualche anno a questa parte, si è anche assistito ad un mercato folle che incoraggiava aste all’ultimo sangue per assicurarsi difensori di indubbio valore, benchè pagati diverse volte il loro prezzo di base.

Stiamo parlando di una specie di bolla speculativa, così tanto comune nel calcio, che provoca uno scollamento completo tra valore nominale del “prodotto” acquistato, e valore reale del denaro impiegato.

Il risultato? Un effetto inflattivo a cascata, tanto in sede di valutazioni quanto in sede di trattativa e conclusione dell’affare, dovuta anche e soprattutto all’esigenza di rispettare la “regola aurea” del calcio.

Ovvero, il calcio è uno sport di squadra in cui il contributo di ogni membro è ugualmente importante, ma portiere e attaccante – per citare Orwell – sono più uguali degli altri, rispettivamente salvando e segnando i gol, dunque valgono di più.

Ed ora veniamo alla cronaca e godiamoci una breve carrellata del fenomeno più dispendioso della recente storia del calcio.

15) Antonio Rüdiger

Dalla Roma al Chelsea per 35 milioni di euro

Il giovane Tedesco, allevato dallo Stoccarda e pagato circa 9 milioni complessivi, è diventato uomo mercato alla Roma, dove gioca due stagioni, dal 2015 al 2017. Conte, manager degli inglesi, riuscì a portarlo ai Blues, complice l’esigenza dei capitolini di fare cassa, dopo che Manolas rifiutò la destinazione russa dello Zenit a trattativa già perfezionata.

 14) Daniel Alves da Silva, meglio noto come Dani Alves

Dal Siviglia al Barcellona per 35,5 milioni di euro

 Probabilmente il laterale destro più forte degli ultimi 10 anni, il brasiliano era alla corte del Siviglia prima che si trasferisse ai catalani del Barcellona, per vincere tutto. Per strapparlo agli andalusi, (il cui dirigente era il cosiddetto Re Mida Monchi, ora alla Roma) la dirigenza blaugrana sborsò-nel 2008-35,5 milioni.

13) Luke Shawn

Dal Southampton al Manchester United per 37,5 milioni di euro

Cresciuto in uno dei settori giovanili migliori d’Inghilterra, il difensore è legato al Manchester United al 2014. Per lui all’attivo soltanto 48 presenze con i “diavoli rossi”.

Vai a pagina 2 e scopri i difensori più pagati nella storia del calcio