Livello Nostalgia, Nostalgia oltre i confini

Hector Cuper, ecco il suo Palmares se…

Cosa ci può essere dietro una lunga, interminabile serie di delusioni arrivate tutte al rush finale, proprio quando il più sembrava fatto e l’impresa potesse assumere i contorni della realtà, prima della definitiva esplosione di gioia che caratterizza ogni vittoria a livello sportivo.

Beh, a volte il destino tende ad accanirsi notevolmente contro certi personaggi, soprattutto nel mondo del calcio, dove il confine tra vincente e perdente di successo, resta sottile, perché si sa la storia di ogni uomo resta legata ad i risultati, ancor più se si è un allenatore di calcio.

Hector Cuper questo lo sa bene, e non sarebbe forse bastata la vittoria nell’ultima edizione della finale della Coppa d’Africa per rendergli giustizia rispetto a quanto il destino ha tolto in carriera all’ Hombre Vertical.

Nella conferenza stampa successiva a Camerun-Egitto, rispondendo alle domande di qualche giornalista che gli chiedeva della sua quinta finale persa in carriera, l’ex allenatore di Inter e Valencia è stato implacabile con se stesso.

Infatti con uno sguardo quasi perso nel vuoto e con gli occhi lucidi, ha ricordato anche le sconfitte avvenute nel 1994, alla guida dell’Huracan ed ovviamente quella del 5 maggio 2002, dove in maniera analoga perse il campionato ambo le volte all’ultima giornata.

cuper inter serie a

Volendo ricostruire la carriera del tecnico di Chebas, vediamo come ci siano state innumerevoli sliding-doors all’interno della sua carriera, che lo avrebbero di certo potuto consacrare nell’Olimpo dei più grandi.

Il Palmares di Hector Cuper, da allenatore, può contare: una “Coppa Conmebol” (corrispondente sudamericana alla nostra Coppa Uefa), vinta con il Lanus nel 1996, più due Supercoppe di Spagna vinte con Maiorca e Valencia  rispettivamente nel 1998 e nel 1999.

Ma oggettivamente la sua bacheca poteva essere molto più ampia se inseriamo le già citate “finali” del 1994 e del 2002. Oltre alla finale di Coppa del re del 1998, la Coppa delle Coppe del 1998/1998 persa in finale contro la Lazio, le due finali consecutive di Champions League con il Valencia del 1999/2000 e 2000/2001 ed infine la finale di Coppa di Grecia disputata con l’Aris Salonicco nel 2010.

In questo lunghissimo elenco non abbiamo inserito ma meritano una citazione anche le semifinali disputate con l’Inter contro il Feyenoord nella Coppa Uefa del 2002, ma soprattutto il derby in Champions del 2003 contro il Milan. Forse se solo avesse vinto la metà dei trofei che è riuscito a giocarsi, in finale o all’ultima giornata, oggi saremmo qui a celebrare il successo di uno dei più vincenti allenatori di calcio.

Ma si sa la storia non si fa con i se ma sappiamo che ci riproverai un’altra volta…Hector.

cuper inter serie a operazione nostalgia