#machenesanno

Grazie Elio, ecco la “Top 10” delle loro canzoni

Tra pochissimi mesi, anche Elio e le Storie Tese, entreranno a far parte per sempre della nostalgia. Qualche giorno fa, infatti il gruppo milanese ha annunciato il proprio ritiro dalle scene dopo ben 37 anni di attività.

Nel corso della loro lunghissima carriera tantissime volte ci siamo trovati  a far parte del pubblico durante i loro concerti, ammirando le coreografie di Mangoni, o a cantare le indimenticabili sigle di “Mai dire goal” che con una sottilissima ironia vedevano coinvolti i protagonisti del nostro campionato.

Indubbiamente la loro assenza mancherà più in generale dal panorama musicale italiano, che aveva proprio in Elio e le Storie Tese un gruppo unico nel suo genere ed assolutamente impossibile da imitare, per via della musica, dei testi e per il trasformismo da parte di Stefano Belisari and co.

Scossi da questa notizia, abbiamo così deciso di ripercorrere la loro carriera ultratrentennale, scoprendo le loro 10 canzoni più belle. La scelta è stata complessa e non è stato facile lasciare canzoni storiche come John Holmes, una vita per la musica; Litfiba, tornate insieme; Parco Sempione, Servi della gleba e tante altre.

Ma adesso iniziamo:

10) Uomini col borsello: oltre al gruppo milanese, protagonisti di questa canzone troviamo Skardy dei Pitura Freska e Riccardo Fogli. L’ode fa ovviamente riferimento ad un vero e proprio oggetto cult, il borsello maschile. E voi siete convinti ci possa essere un amore in ogni borsello?

Elio E Le Storie Tese – Italian, Rum Casusu Cikty (1992) – Uomini Col borsello

Ragazza che limoni sola, denoti spigliatezza. Tant’e’ che c’e’ chi invidioso ti sussurra cosi’: bea mona (che in veneziano vuol dire [canta Oliver Skardy] che se te guanto e te scaveso in quatro tochi che no ti mia ca te capisse un casso etc.) [Elio] Vai, Riccardo.

Continua a leggere l’articolo a pagina 2 e scopri quali brani di Elio e le Storie Tese sono nella “Top 10”