Livello Nostalgia, Nostalgia oltre i confini

El Clásico: la “Top 11” blaugrana sfida la “Top 11” blancos dal 1990 al 2004

Avete preso fiato? Si riparte forte, ecco la “Top 11” del Real Madrid:

top11real

A disposizione: F.Buyo, B.Illgner, C.Panucci, I.Helguera, R.Alkorta, Guti, F.Morientes, A.Karanka, P.Mijatović, C.Seedorf, I.Zamorano, M.Laudrup, Luis Enrique, Michel, E.Butragueño, H.Sanchez, S.McManaman, R.Prosinečki, Chendo, G.Hagi.

Per assurdo la “Top 11” del Real Madrid è stata ancora più complessa da stilare, partiamo dai punti fermi (in realtà quasi tutti) la coppia di difesa centrale è francamente intoccabile, in due arrivano a totalizzare quasi 1.500 presenze con il Real Madrid vincendo tutto quello che c’era da vincere.

Roberto Larcos non si tocca, ci mancherebbe altro, Michel Salgado non è stato di certo un fenomeno, ma è stato un punto fermo dei blancos per tantissime stagioni. Lo possiamo paragonare al “Sergi” del Barcellona.

Makelele in mezzo al campo è indispensabile in questa ed in un’altra vita. Un giocatore che corre per tutta la squadra non si trova così facilmente, a centrocampo eleganza al potere con sua maestà Zizou e fianco al fuoriclasse francese troviamo el Principe de Madrid. 

Davanti c’è il simbolo di Madrid, il Fenomeno, e chi si è fatto tirare addirittura una testa di maiale pur di indossare la camiseta blanca…

In porta abbiamo scelto Iker Casillas per come si è imposto nel 1998 e soprattutto per come è stato trattato a fine carriera, Iker ti premiamo noi…

Ora tocca a voi, Barcellona o Real Madrid? Chi vincerà El Clásico della nostalgia?