#machenesanno

E se Julian Ross non fosse stato malato?

Per chi è cresciuto nell’epoca della nostalgia, l’appuntamento pomeridiano con Holly e Benji era assolutamente imperdibile. Gare infinite e campi esageratamente lunghi, rendevano epiche le sfide tra quei ragazzi giapponesi in grado di giocare un calcio metafisico e di esibirsi in spettacolari gesta tecniche assolutamente impossibili da imitare.

Ognuno di noi avrà avuto certamente una predilezione per un particolare calciatore della saga. Basti cercare nel cassetto dei propri ricordi per far riemergere accesissimi dibattiti su chi fosse realmente più forte tra Mark Lenders ed Holiver Hutton e se il “tiro della tigre” del primo potesse superare la “rovesciata ad effetto” del secondo.

In questo scenario, nel quale all’interno di ogni gara, venivano esasperati duelli e rivalità, emergevano tutta una serie di altri calciatori, i quali in maniera non meno rilevante sono entrati nel nostro cuore.

Tra questi, senza dubbio, merita un posto di rilievo il “campione di vetro” Julian Ross, che affetto da una grave patologia cardiaca congenita, non riuscirà ad esprimere fino in fondo il suo talento, divenendo tuttavia per avversari ed appassionati come il più grande rimpianto del calcio giapponese.

Non a caso la stima verso di lui resterà immutata tra tutti coloro i quali, affrontarono almeno una gara contro di lui. Emozionante e piena di colpi di scena, risulta la semifinale tra Mambo e New Team che Julian, sceglie come l’ultima della sua carriera. Il suo obiettivo è infatti quello di battere Holiver Hutton, calciatore che stima per talento e carisma e che vede molto simile a lui.

Lo stesso capitano della New Team, ammetterà nel corso della sfida infinita, condita da ben quattro episodi che: “Julian Ross è superiore a me nella velocità del dribbling, nella tecnica e nei passaggi. Ha carisma e riesce a stringere tutta la squadra intorno a sé. I suoi salti e le sue rovesciate sono eccezionali. E per di più è anche malato di cuore. Io… io non posso batterlo».

Julian Ross, è l’ideale di quel campione malinconico, cui la sfortuna ha negato una carriera luminosa e ricchissima di successi.

Proprio negli episodi che narrano l’epica semifinale tra Mambo e New Team, possiamo scorgere la voglia e la grinta di un ragazzo, il quale nonostante enormi difficoltà fisiche, non sia dia mai per vinto, dimostrando realmente il suo reale valore che gli avrebbe certamente consentito di risultare il miglior calciatore della storia giapponese. Ci siamo quindi chiesti, cosa sarebbe accaduto se Julian Ross non avesse sofferto di determinati problemi cardiaci:

La Mambo Campione: Il “campione di vetro” stante la sua condizione fisica, affronta tutto il torneo in precarie condizioni fisiche che gli consentono di disputare soltanto 10 minuti a partita. In un’incredibile semifinale del torneo delle elementari, la Mambo affronta la New Team di Holly. La squadra di Ross, avanti per tutto l’incontro, si arrende infatti soltanto nei minuti di recupero, quando proprio il trascinatore della Mambo, stremato, al termine di una gara estenuante, è costretto quasi a rinunciare al gioco, fermandosi sul palo e potendo aiutare i propri compagni grazie alla sua intelligenza ed abilità a guidare la difesa a zona. Siamo certi, che se le condizioni di Julian fossero state differenti, la gara sarebbe termina certamente in modo diverso. La migliore organizzazione tattica della Mambo ed il talento del suo capitano, sarebbero sicuramente bastati per battere una squadra in cui in difesa giocava il “temibilissimo” Bruce Harper.

La parte finale della sfida tra New Team e Mambo con la rete decisiva del 5-4:

Che Campioni Holly E Benji Ep.26 – L’importante È Partecipare pt.2/2

TUTTI i 46 Episodi della Serie Completa “Che Campioni Holly E Benji”- “Capitain Tsubasa J”. http://www.youtube.com/playlist?list=PL3797A1E54858C932

Clicca sulla maglia numero 2 e scopri l’evoluzione della carriera di Julian Ross