L'essenza della Nostalgia

Auguri Galeone, “Profeta” della felicità

Questi rappresentano dei giorni particolarmente complicati e difficili per il nostro paese, colpito per l’ennesima volta nell’arco di pochi mesi da un terremoto che ha oltre ad avere spezzato delle vite, sembra aver azzerato la speranza di un popolo, quello abruzzese, che deve trovare la forza di rialzarsi e tornare a sorridere.

Per questo motivo oggi in occasione del compleanno di Giovanni Galeone, abbiamo deciso di rendere omaggio al Pescara  che tra gli anni ’80 e ’90 è stato uno dei simboli nostalgici del nostro calcio. Con il “Delfino” in particolar modo, il tecnico nato a Napoli, ha sicuramente scritto le pagine più importanti della sua personalissima carriera, con cui ha centrato due storiche promozioni nel 1986/1987 e nel 1991/1992, facendo gioire e divertire i propri tifosi i riva all’Adriatico.

In quegli anni con Galeone alla guida, il Pescara impressionò per il suo gioco spumeggiante e le trame offensive che consentirono alla squadra di conquistare oltre alle già citate promozioni, anche la permanenza in massima serie nel 1988, nell’ultimo campionato di Serie A a 16 squadre.

A destare sorpresa e creare entusiasmo fin da subito negli occhi dei tifosi abruzzesi fu la vittoria nella prima giornata di quel campionato a “San Siro” contro l’Inter per 2-0, dove brillò la stella del neo acquisto Slišković.

Ecco il video di quella fantastica impresa:

Inter – Pescara 0-2, stagione 1987/88

No Description

In quella squadra che aveva interiorizzato alla perfezione il 4-3-3 del suo tecnico, emersero anche altri calciatori, come Rocco Pagano, imprendibile ala destra e considerato da Paolo Maldini come uno degli avversari più difficili affrontati in carriera. A dare solidità all’undici guidato Galeone, vi era anche l’esperienza di Junior, che oltre ad aver vestito in Italia la maglia del Torino, era anche uno degli esponenti del calcio “bailado” nel Brasile del 1982.

In quella stessa stagione gli abruzzesi ottennero un’altra vittoria di prestigio in casa contro la Juventus per 2-0, risultando a tutti gli effetti la vera sorpresa di quel campionato.

Di quel Pescara entrarono nella leggenda altre gare come il 4-5 della gara contro il Milan della stagione 1992/93, dove gli abruzzesi subirono la rimonta del “diavolo” dopo essere passati in vantaggio per 4-2, senza dimenticare la vittoria all’esordio sul campo della Roma per 0-1.

Tutte le emozioni di Pescara-Milan (4-5):

Pescara-Milan 4-5

La partita piu bella mai vista all'”Adriatico” di Pescara

Noi ricordiamo in quegli anni una squadra composta da 11 uomini, pronta a lottare ad ogni partita e che con il suo gioco portava entusiasmo e gioia in tutti gli stadi, rendendo l’Adriatico oltre ad un vero e proprio fortino vero sinonimo di spensieratezza per i suoi tifosi.

Spensieratezza che speriamo torni a pervadere il forte e gentile popolo abruzzese.